Cittadini europei

I cittadini europei possono circolare liberamente sul territorio nazionale fino a tre mesi dall'ingresso purché in possesso di un documento di identità personale. Successivamente è necessaria l'iscrizione al Registro della popolazione temporanea del Comune in cui si vive per poter accedere ai servizi nazionali al pari di un cittadino italiano.


Cittadini stranieri non comunitari

I cittadini non comunitari per studiare in Italia devono presentare una specifica domanda di preiscrizione alla Rappresentanza diplomatica italiana nel Paese di provenienza. Alla domanda va allegata la documentazione relativa ai titoli di studio conseguiti, tradotta in lingua italiana. Tali documenti non vengono inviati alle Università dalle Rappresentanze, ma devono essere consegnati direttamente dallo studente all'Ateneo in sede di immatricolazione, secondo le modalità e la tempistica stabilite dall'Ateneo stesso. Lo studente può scegliere il corso di studi e verificare la disponibilità di posti riservati dai singoli Atenei consultando l'apposito elenco tenuto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. La Rappresentanza, verificato il possesso di tutti i requisiti richiesti, rilascia un visto d'ingresso per studio. Trascorsi 8 giorni dall'ingresso in Italia, il cittadino straniero dovrà richiedere il permesso di soggiorno che avrà lo stesso motivo del visto e la medesima durata del corso di studi. 

 

Per maggiori informazioni, si rimanda al sito web Studiare in Italia